mercoledì 11 febbraio 2009

il rispetto per la vita

Ormai non ho piu` parole per esprimere il disgusto che provo verso gli sciacalli che si sono accaniti contro Beppino Englaro e sua figlia, e che continuano ad accanirsi per spartirsene i resti, buon concime per far crescere share dei programmi televisivi ed appoggi politici.

In questo mare di liquami morali, di persone invasate da una parte e avvilite ed arrabbiate dall'altra, un articolo che commuove, rida` speranza nell'uomo e, in modo inequivocabile, mostra cosa sia davvero l'amore e il rispetto, per la vita e per la persona:

dal blog di Marco Cattaneo (Le Scienze): Riposo, soldato Sacconi

venerdì 6 febbraio 2009

delirio o golpe bianco?

ormai siamo al delirio:

il vaticano non si limita piu` ad ingerenze inopportune nella politica, ma addirittura ora ordina, e il governo in carica obbedisce scodinzolando

ministri e governatori che intervengono con azioni al di fuori delle loro competenze, ma sopratutto al di fuori della legge

decreti anticostituzionali promulgati nonostante il parere contrario sia del presidente della repubblica, sia del presidente della corte costituzionale, anche perche` e` un decreto che di fatto dichiara illegittime le sentenze dei tribunali di stato O_O

lo psiconano che in diretta minaccia il capo dello stato, da bravo mafioso "o firmi o facciamo subito una legge" ed aggiunge anche l'impeachment giusto per caricare il calibro (il primo ministro che minaccia il presidente di impeachment perche` non firma un decreto anticostituzionale?)

sempre lo psiconano dichiara che il decreto e` stato ispirato nientemeno dalle parole del presidente della corte costituzionale, il quale smentisce categoricamente DOPO APPENA 3 MINUTI

in tutto questo delirio, uno degli esponente principali della destra (Fini) prende posizioni nette contro queste iniziative, dimostrando di fare opposizione molto meglio delle mozzarelle che l'opposizione dovrebbero farla per ruolo .. in compenso uolter & c si sono autodegradati dallo status di mozzarelle a quello di zerbini del vaticano

giovedì 5 febbraio 2009

il nemico numero uno della chiesa: la chiesa :)

Non so il tedesco, e dire che la traduzione tramite google lascia molto a desiderare e` chiaramente un eufemismo.

Pero` quello che traduce e` abbastanza. Abbastanza per leggere che la faccenda ritiro della scomunica ai vescovi filo nazisti sta indignando a tal punto i cattolici di origine tedesca, che e` iniziato una grandine di "dimissioni" dalla chiesa.

L'immagine di un telefono nella sagrestia della chiesa di Lucerna (svizzera tedesca) che squilla a piu` non posso, e di gente che chiede ai sacerdoti qual'e` la procedura per dimettersi dalla chiesa (da veri tedeschi) e` al contempo esilarante e surreale.

Grazia Benny, stai facendo piu` tu per distruggere la chiesa cattolica di quanto non siano riusciti a fare tutti gli anticlericali del mondo .. da parte loro, un grazie di cuore :)